Recensione: THE UMBRELLA ACADEMY – Colonna sonora

di Valeria A.


Questo articolo non contiene spoiler.

Da metà Febbraio è febbre da Umbrella Academy, la serie TV statunitense ideata da Steve Blackman per Netflix, basata sull’omonimo fumetto di Gerard Way pubblicato nel 2007. E sì, quel Gerard Way, il co-fondatore, nonché frontman, dei My Chemical Romance, scioltisi nel 2013.

Di cosa tratta? Il 1° ottobre 1989, 43 donne in tutto il mondo partoriscono contemporaneamente, nonostante nessuna di loro avesse mostrato segni di una gravidanza. Sette di questi  bambini vengono adottati dall’eccentrico miliardario Sir Reginald Hargreeves e trasformati in una squadra di supereroi chiamata “The Umbrella Academy”. Tutti ne faranno parte, tranne una.

La colonna sonora. Spostiamoci subito in ambito colonna sonora perché quella di questa serie, wow, è l’elemento chiave in grado di tenere incollato lo spettatore allo schermo trascinandolo nel vivo della scena. Scontato sospettare che dietro l’ottima riuscita delle musiche ci sia il suo creatore. Tuttavia, nonostante l’influenza di Way sia stata certamente importantissima, il vero merito è da attribuire allo showrunner Steve Blackman. Il suo segreto consiste nell’utilizzare la musica come un vero e proprio elemento della sceneggiatura, al pari di un personaggio, con un suo spazio ben definito, un’identità, senza relegarla al ruolo di semplice sottofondo. “La musica è importante – racconta – Volevamo che le canzoni di The Umbrella Academy non fossero soltanto la soundtrack; volevamo che lo show avesse un proprio stile e una parte di quello stile era avere della musica fantastica”.

taglioAlta_00179

Appare evidente come l’intento di Blackman si sia poi tramutato in un prodotto finale dal risultato decisamente positivo. Si spazia dai grandi brani della storia della musica suonati da Doors, Nina Simone e i Queen, fino a canzoni più moderne, in uno spaziare continuo fra stili ed epoche diverse.

Tornado a Gerard Way, pur non avendo contribuito in prima persona alla “regia musicale”, ha creato con il collega Ray Toro due pezzi inseriti anch’essi nella tracklist: una cover di Hazy Shade Of Winter di Simon and Garfunkel e Happy Together dei Turtles. Compare anche la cover di Stay With Me di Rod Stewart realizzata da Mary J. Blige, che prende anche parte alla serie nel ruolo di Cha-Cha. Fra i compositori dei brani originali, è bene ricordarlo, figura anche Jeff Russo (Fargo, Star Trek: Discovery e Power). 

Il tema principale dell’Umbrella Academy non ha nulla da invidiare a quelli dei supereroi del grande schermo. Rimane un peccato il fatto che non ne sia stato creato uno ad hoc per ogni personaggio…Ma in fondo questa è solo la prima stagione, no?

La TOP 5 dei brani dell’episodio 2 dal titolo Run Boy Run, scelti per voi:
Hooverphonic – Mad about you
WoodkidRun Boy Run
Adam AntGoody Two Shoes
QueenDon’t Stop Me Now
Paloma FaithNever Tear Us Apart 

Ascolta anche tu la colonna sonora di Umbrella Academy nel player qui sotto e dicci qual è la tua preferita sulla nostra pagina Facebook o sui nostri canali Instagram e Telegram!

The Umbrella Academy (Original Series Soundtrack) è acquistabile a questo link su iTunes.

 


Segui le news, gli aggiornamenti, le nuove uscite, le playlist
sul nostro canale TELEGRAM
@riverofsound

ROSTelegram

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: