SOUNDTRACK – Trailer DUMBO (2019)

di Valeria A.



Nuova rivisitazione cartoon gotica per Tim Burton, che dopo Alice in Wonderland (basato sulla nota serie di romanzi di Lewis Carroll e già film Disney nel 1951) riporterà al cinema Dumbo. La storia dell’elefantino volante, scritta originariamente da Helen Aberson ed illustrata da Harold Pearl, diventata un capolavoro Disney nel 1941, tornerà in live-action con una pellicola per tutta la famiglia in uscita in Italia a Marzo 2019.

 

Quando l’ex star circense Holt Farrier (Colin Farrell) torna dalla guerra, ritrova la sua vita messa a soqquadro. Il proprietario del circo Max Medici (Danny DeVito), lo ingaggia per prendersi cura di un elefante appena nato, le cui orecchie giganti lo rendono oggetto di scherno. Ma quando i figli di Holt, Milly e Joe, scoprono che Dumbo può volare, il convincente imprenditore V. A. Vandemere (Michael Keaton) e l’artista trapezista Colette Marchant (Eva Green) fanno di tutto per trasformare l’insolito elefante in una star.

Sia il teaser di Giugno sia il recente trailer ci hanno strappato qualche lacrima anche grazie alla colonna sonora scelta. Si tratta di Baby mine, una lullaby cantata dalla cantautrice norvegese AURORA, che a suo tempo era già stata la canzone del film Disney del 1941. Scritto da Ned Washington, composto da Frank Churchill e interpretato da Betty Noyes, il pezzo aveva già ricevuto una nomination per gli Academy Award come migliore canzone originale nel 1942. La sequenza scelta è la stessa di allora: quella in cui la madre di Dumbo, la signora Jumbo, un’ elefantessa rinchiusa in un carro da circo, culla il suo piccolo sulle note di questa ninna nanna. Il brano in alcuni passaggi può ricordare la colonna sonora del film Alice in Wonderland affidata a Danny Elfman

AURORA, nome d’arte della ventiduenne Aurora Aksnes è comparsa nella Summer Compilation 2016 con il brano Conqueror e nella playlist di Settembre 2018 con il brano Forgotten Love, tratto dal suo ultimo album Infections of a different kind – STEP 1. Spesso è stata paragonata ad artisti femminili del calibro di Susanne Sundfør, Emiliana Torrini, Florence and the Machine, Lorde, Eivør, Lana Del Rey, Kate Bush, Emmelie de Forest, Phildel, Björk e Grimes per lo stile dream-pop emotivo e raffinato al tempo stesso e talvolta ballabile.


Segui gli aggiornamenti, le nuove uscite, le playlist
sul nostro canale TELEGRAM
@riverofsoundROSTelegram

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: